Emozioni contrastanti

21255902-Sorpreso-eccitata-donna-urlando-felice-isolato-Vincitore-ragazza-allegra-scioccato-pi-di-vincere-con-Archivio-FotograficoL’Internet delle cose è vista come una possibile evoluzione dell’uso della Rete. Gli oggetti si rendono riconoscibili e acquisiscono intelligenza grazie al fatto di poter comunicare dati su se stessi e accedere ad informazioni aggregate da parte di altri. Le sveglie suonano prima in caso di traffico, le scarpe da ginnastica trasmettono tempi, velocità e distanza per gareggiare in tempo reale con persone dall’altra parte del globo, i vasetti delle medicine avvisano i familiari se si dimentica di prendere il farmaco. Tutti gli oggetti possono acquisire un ruolo attivo grazie al collegamento alla Rete.

L’obiettivo dell’internet delle cose è di far sì che il mondo elettronico tracci una mappa di quello reale, dando un’identità elettronica alle cose e ai luoghi dell’ambiente fisico. Gli oggetti e i luoghi muniti di etichette Identificazione a radio frequenza (Rfid) o Codici QR comunicano informazioni in rete o a dispositivi mobili come i telefoni cellulari. (Wikipedia)

 

747822-L-uomo-in-nero-su-bianco-soddisfare-isolate-o-confusa-con-espressione-preoccupata--Archivio-FotograficoUna testimonianza giurata tenuta al Congresso degli Stati Uniti dal direttore della National Intelligence James Clapper ha fatto sollevare le sopracciglia Martedì [9 febbraio], come ha riconosciuto pubblicamente per la prima volta che le agenzie di sorveglianza stanno quasi certamente per sfruttare (se non lo fanno di già) il numero crescente di dispositivi connessi alla rete – anche conosciuta come la “Internet delle cose” – come un modo per tenere sotto controllo la popolazione nei prossimi anni.

“In futuro, i servizi di intelligence potrebbero utilizzare la [Internet delle cose] per l’identificazione, la sorveglianza, il monitoraggio, il rilevamento della posizione, e l’individuazione degli obiettivi per il reclutamento, o per ottenere l’accesso a reti o credenziali dell’utente,” ha affermato Clapper nella sua testimonianza presentata alla Commissione. (CommonDreams)

 

La prima immagine è tratta da 123rf.com

Anche la seconda immagine è tratta da 123rf.com

 

Annunci

Informazioni su sandroarcais

I know that each cause has its effects, and each effect has its causes.
Questa voce è stata pubblicata in controllo, futuro, internet delle cose. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...