L’austerità fa male …

… ma neanche la libera circolazione dei capitali fa poi tanto bene.

fmi2

Chi lo ha affermato con molta chiarezza? Un comunista? Un post-comunista? Uno statalista? Salvini? Le Pen?

No!

Il Fondo Monetario Internazionale. Niente meno che illo. E lo afferma sin dall’occhiello del recente articolo apparso nella sua rivista on-line Finance & Developement del giugno 2016:

Invece di creare crescita, alcune politiche neoliberiste hanno aumentato le disuguaglianze, che a loro volta hanno messo a repentaglio una durevole espansione

Cosa si intende per politica neoliberista?

Il programma neoliberista … poggia su due assi principali. Il primo è una maggiore concorrenza raggiunta attraverso la deregolamentazione e l’apertura dei mercati nazionali, compresi i mercati finanziari, alla concorrenza estera. Il secondo è un ruolo minore per lo Stato, raggiunta attraverso la privatizzazione e limiti alla capacità dei governi di gestire i deficit fiscali e accumulare debiti.

E che effetto hanno sull’economia di quei paesi che attuano queste due politiche economiche (deregolamentazione e austerità)? È sempre il FMI a parlare:

Una valutazione di queste politiche specifiche … giunge a tre conclusioni inquietanti:

  • I benefici in termini di aumento della crescita sembrano abbastanza difficile stabilire quando si prende in considerazione un ampio gruppo di paesi.
  • I costi in termini di aumento della disuguaglianza sono notevoli ed evidenti. (…)
  • L’aumento della disuguaglianza a sua volta influisce negativamente sul livello e la sostenibilità della crescita.

16739697-word-cloud-astratto-per-deregolamentazione-con-tag-correlati-e-terminiL’apertura finanziaria di paesi finanziariamente non evoluti aumenta di molto la probabilità di crisi finanziarie ed economiche, mentre l’aumento della disuguaglianza è certo in tutte le economie, avanzate o in ritardo.

E per quel che riguarda il defict di bilancio? Che fare? Le opzioni sono due: o puntare all’avanzo di bilancio diminuendo le uscite o
attuare politiche espansive, che assicurino crescita e quindi maggiori entrate in forma di tasse. Quale consiglia il FMI?

Di fronte a una scelta tra il convivere con un debito più alto – lasciando che il debito diminuisca organicamente attraverso la crescita -, o deliberatamente mantenere avanzi di bilancio per ridurre il debito, i governi con ampio spazio fiscale faranno meglio a convivere con il debito.

E che le politiche d’austerità facciano male è confermato dai fatti:

episodi di consolidamento fiscale sono stati seguiti in media da crolli piuttosto che da espansioni nei risultati. In media, un consolidamento di 1 per cento del PIL aumenta il tasso di disoccupazione di lunga durata di 0,6 punti percentuali e aumenta del 1,5 per cento in cinque anni la misura di Gini della disuguaglianza del reddito

Le politiche di liberalizzazione e di austerità, non solo fanno male sul momento, ma avviano l’economia nel classico circolo vizioso in cui gli effetti diventano cause che potenziano le condizioni che intendevano rimediare:

dal momento che sia l’apertura [dei mercati di capitali] che l’austerità sono associati con l’aumento della disuguaglianza del reddito, questo effetto distributivo imposta un ciclo negativo di feedback. L’aumento della disuguaglianza generata dalla apertura finanziaria e dall’austerità potrebbe essa stessa tagliare la crescita … . Vi è ora una forte evidenza che la disuguaglianza può significativamente diminuire sia il livello che la durata della crescita.

Fa piacere che finalmente anche il FMI ha scoperto che l’acqua calda esiste!

Annunci

Informazioni su sandroarcais

I know that each cause has its effects, and each effect has its causes.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...