Non si fanno mancare niente (Ci disprezzano 2)

Il ministro dello sviluppo Carlo Calenda ha affermato recentemente che

Il progetto di un accordo transatlantico sugli standard commerciali tra Europa e Usa, Ttip, è l’asse portante su cui rilanciare la politica commerciale dell’Unione, oggi paralizzata.

Lo afferma l’agenzia Reuters in una notizia del 26 maggio. Il ministro ha anche aggiunto che

La politica commerciale dell’Unione è oggi paralizzata dalla incapacità degli stati membri di fronteggiare l’inquietudine dei propri cittadini.

“Fronteggiare l’inquietudine”? L’espressione, soprattutto il verbo, mi rende ancora più inquieto. Cosa c’è dietro quel “fronteggiare”? Magari il ministro potrebbe ascoltare e approfondire le ragioni dell’inquietudine montante. Invece la vuole “fronteggiare”.

Che concetto ha di noi chi ci governa? Probabilmente ci considerano una manica di isterici sovreccitabili. Gente con cui non si può ragionare e che al meglio si può imbrogliare con qualche carota (ma se non bastasse c’è pronto il bastone).

Il ministro ha infine concluso:

Solo attraverso la costruzione di una alleanza economica tra paesi che accettano le stesse regole e standard elevati, potremo finalmente riprendere il timone della globalizzazione.

Il ministro Calenda vuole “riprendere il timone della globalizzazione”. Io non penso che il ministro ci faccia. Io sono convinto che il ministro ci è. Il nostro sinistro ministro si sente nel centro della corrente della storia, del corso inarrestabile del progresso. Il nostro ministro sinistro si sente uno dei sacerdoti investiti dalla storia del compito di spianare la strada al progresso, alla globalizzazione, al governo mondiale. È un caso che lui svolga questo compito in Italia. È un dettaglio poco importante. Lui aspira a vivere a un altro livello, cerca di tirarsi verso l’alto afferrandosi per il bavero della giacca per annusare un po’ dell’aria che respirano i global.

Nel mentre gli tocca vivere con noi, gente inquieta, e fronteggiarci.

 

Ci disprezzano 1 lo trovi qui.

Annunci

Informazioni su sandroarcais

I know that each cause has its effects, and each effect has its causes.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Non si fanno mancare niente (Ci disprezzano 2)

  1. Pingback: O il mercato o la democrazia (Ci disprezzano 3). | Pensieri provinciali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...