P.C. Roberts, Gli Stati Uniti stanno progettando un attacco nucleare alla Russia e alla Cina

Il pericolo russo e cinese mostrato in una semplice mappa

In precedenti post negli ultimi anni ho sottolineato sia i documenti scritti che i cambiamenti nella dottrina della guerra americana che indicano che Washington sta preparando un attacco nucleare preventivo alla Russia e alla Cina. Più recentemente ho dimostrato che la demonizzazione da parte di Washington del presidente Putin, le continue bugie sugli atti e le intenzioni russe e il rifiuto di Washington di cooperare con la Russia su qualsiasi questione, hanno convinto il governo russo che Washington sta preparando le popolazioni occidentali per un attacco alla Russia. È ovvio che la Cina è giunta alla stessa conclusione.

È estremamente pericoloso per tutto il genere umano che Washington abbia convinto due potenze nucleari di star preparando un attacco nucleare preventivo contro di loro. È impossibile immaginare un atto più sconsiderato e irresponsabile. Eppure è proprio ciò che Washington ha fatto.

(…)

Come ho spiegato in precedenza, la teoria dietro questo schema folle è che dopo l’attacco preventivo dell’America la Russia sarebbe così devastata che non contrattaccherebbe con le forze rimanenti per paura che Washington lancerebbe un secondo grande colpo. Washington inoltre prevede di utilizzare agenti sul posto per assassinare il maggior numero possibile di membri del governo russo, lasciando così il governo in confusione senza leadership.

(…)

Si potrebbe sperare che i popoli americano e occidentali siano oltraggiati che Washington è talmente impazzito da sottoporre tutta la vita sulla terra a tali rischi. Ma non c’è alcun segno di un movimento contro la guerra. La sinistra occidentale è tanto degenerata nella politica dell’identità per cui l’unica minaccia viene da maschi bianchi eterosessuali ritratti come misogni, razzisti e omofobi. La sinistra occidentale non è più preoccupata della guerra. Infatti, l’attenzione della sinistra è stata deviata in irrilevanze così stupide come il diritto dei transgender al bagno di loro scelta.

(…)

Il complesso militare e di sicurezza americano ha prevalso chiaramente sull’intenzione di Trump di normalizzare le relazioni tra gli Stati Uniti e la Russia e il veleno antirusso continua a essere versato fuori dalla NATO e dagli stati europei vasalli di Washington. La maggior parte del popolo americano sembra aver accettato la propaganda che la Russia è la minaccia numero uno per gli Stati Uniti. Con la propaganda che controlla la spiegazione, le azioni aggressive di Washington vengono spiegate come difesa contro una minaccia e non come una politica che terminerà la vita sulla terra.

(…)

La rivendicazione neoconservativa dell’ecccezionalismo americano è la stessa affermazione fatta per i tedeschi da parte di Hitler. Se gli americani sono indispensabili, tutti gli altri sono dispensabili e possono essere “ricacciati a furia di bombe nell’era della pietra” come un funzionario del governo statunitense ha affermato, o attaccati con armi nucleari come Washington intende fare con la Russia e la Cina. La rivendicazione dell’eccezionalismo americano non è accettata dalla Russia e dalla Cina. Di conseguenza, i mostri folli e furiosi che dominano l’Occidente a Washington stanno portando a termine la vita sulla terra.

E non ci sono proteste. Gli idioti britannici, gli idioti tedeschi, gli idioti francesi, italiani, canadesi, australiani, belgi, greci, portoghesi, spagnoli, giapponesi, si radunano dietro la follia che è Washington.

E così apparentemente fa il popolo americano, una popolazione stupida oltre ogni credere.

Paul Craig Roberts, Washington Plans to Nuke Russia and China

Annunci

Informazioni su sandroarcais

I know that each cause has its effects, and each effect has its causes.
Questa voce è stata pubblicata in guerra, imperialismo, Paul Craig Roberts, traduzioni e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a P.C. Roberts, Gli Stati Uniti stanno progettando un attacco nucleare alla Russia e alla Cina

  1. Pingback: La terza guerra mediatica | Pensieri provinciali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...